fbpx

In guerra con te stessa

by

Il problema non sono gli altri

le relazioni che vivi

le persone che hai accanto

Troverai sempre difetti nella tua vita

e cercherai di cambiare

di cambiarla. 

E mentre sei impegnato sul fronte

a combattere una guerra persa in partenza,

una impresa titanica,

acciecato dalla presunzione di poterla vincere

la vita scorre come un fiume in piena.

Ti ritroverai costantemente a ripartire da zero 

A chiudere capitoli su capitoli

A versare lacrime su lacrime

Vivrai crisi e apati

Ti mancheranno i tuoi amici, i tuoi cari

Ti mancherà il tuo ultimo compagno

Non oggi. Non ora.

Magari domani, tra qualche mese o tra qualche anno.

Perché avevi tutto e non ti bastava

Mai soddisfatta

Mai sazia

Perché tu non ti sei mai bastata

Mai accettata

Perché non realizzi che il vero problema

sei tu

Sei tu che non ti ami

che non ti stimi

che non ti apprezzi abbastanza

Non fai altro che giudicarti, punirti ed autosabotarti

Tu che temi te stessa. Tu che fuggi te stessa.

Il tuo peggior incubo. Il tuo peggior nemico.

Dura ed intransigente.

Non ti perdoni, e ti bastoni.

Sei tu che hai bisogno di aggrapparti a un sogno

a un’idea, a un pensiero, a un mezzo. 

Per arrivare in alto. Per raggiungere l’apice. Il successo.

Ma quale successo? Ed in alto dove?

Chi vuoi raggiungere? E soprattutto con chi è la gara?

A quale gioco stai giocando?

Sai che a  scherzare col fuoco prima o poi ci si scotta.

Ma tu sei masochista. Autolesionista. Ti meriti punizioni e dolore. E te ne fai con le tue stesse mani. Ed insaziabile ti perseguiti.

Sei il tuo problema. La tua ansia. Il tuo incubo. La tua condanna.  La rovina di te stessa.

E Non troverai mai pace ed equilibrio cercando all’esterno, al di fuori di te.

E finché non tirerai fuori il coraggio di affrontarti non farai altro che rimanere ferma.

Ferma immobile a guardare la tua vita scorrere, scorrere inesorabile e indifferente.

Il tempo non guarda in faccia nessuno e non aspetta.

Hai presente quella splendida e a te ignota sensazione che si prova nel dire: “quanto sto bene oggi?”

Senza far nulla, senza motivo.

Per il semplice fatto di bastarsi.

Per il piacere del momento.

Hic et nunc.

Questo è lo stato di grazia.

La beatitudine.

Il karma.

Il paradiso.

Viene chiamato in mille modi. Identificato in migliaia di dei differenti. 

Ma non è nient’altro che questo.

Devi lavorarci sopra ragazza mia, spaccarti la testa.

Sbatterla e farti male.

Devi amare, soffrire per aver amato, ma continuare a farlo.

Deve logorarti il cuore, lo spirito, l’anima.

Devi esplorarti, conoscerti, porti interrogativi e rispondervi.

Anche i più banali. Quelli che lo sono solo all’apparenza ma che in realtà sono i più profondi, quelli che ti forniscono la chiave per la serenità:

Chi sono io?

Cosa desidero davvero?

Se non metti da parte questa insaziabile voglia di vendetta, di sangue e di guerra, sei non cedi, se non fai pace con te stessa sarai sempre in guerra.

E continuerò a ripeterlo.

Non mi stancherò mai di farlo.

Costi quel che costi.

No Comments Yet.

What do you think?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *